Translate

domenica 9 gennaio 2011

Sui Defenders (parte 3)... e sulla Turchia, sulla Planeta e sul nuovo personaggio della DC Comics!

Per scrivere questo post mi tocca, per forza di cose, scoprire le carte!
Beh, tanto, ormai dirlo o non dirlo non cambia niente, ma tant'è...

Allora... circa nell'aprile 2009, durante la fiera campionaria di Novara (in cui eravamo presenti con uno stand), abbiamo avuto la fortuna di conoscere il responsabile in Italia della Planeta De Agostini, una persona simpatica e cordiale, che si è detta interessata al progetto del Capitano (quando ancora si chiamava Capitan Novara).
Ah, per chi non lo sapesse, la Planeta De Agostini è il colosso che pubblica il materiale della DC Comics, la casa editrice di Batman (ecco, ricordatevi di Batman) e Superman!

La cosa, naturalmente, ci aveva gasati a mille!
Mica cazzi per un supereroe nato in un paese dove "i supereroi italiani non si possono fare"!
Tra l'altro, qualche mese più tardi, ricevemmo anche l'offerta di una casa editrice turca che era interessata a pubblicare il Capitano su suolo "turchese"!
Comunque, con la Turchia, per ora, è ancora in standby per via delle modalità di pubblicazione da decidere e, forse, nonostante da quelle parti si fumi parecchio, il progetto potrebbe davvero avere degli sviluppi senza rischiare di finire in fumo, ma è ancora presto per dirlo!

Ma continuiamo il racconto...

Così, durante uno dei nostri incontri (con il responsabile Planeta), in via ufficiosa ci è stato chiesto se volevamo presentare un progetto e noi, dopo qualche mese, abbiamo pensato di portare nella sede italiana della Planeta, il progetto che già ci girava in testa da un po' di tempo... i Defenders of Europe!

Quindi, il tempo passava e gli incontri si susseguivano e, nel mentre, i nostri Defenders erano anche stati selezionati al concorso PICH ME! di Cartoons on the Bay 2010!

Insomma, vivevo un momento pieno di eccitazione per via di quello che si poteva venire a creare... capirete, avere un colosso che crede in un mio progetto sarebbe stato davvero un forte sostegno (economico e pubblicitario) che, in più, avrebbe dato ai Defenders of Europe una visibilità infinitametne più grande di quanto potrò mai fare io attraverso la mia casa editrice Emmetre Service!

Il sogno, però, si è arenato dopo alcuni mesi!

Infatti, la Planeta, come tante altre case editrici, proprio in quei mesi iniziava a lamentare una crisi nel settore fumetto e di puntare su progetti nuovi non se ne parlava! Soprattutto per il fatto che "Fabrizio De Fabritiis" chi cazzo è?!
Pare che non avere un nome conosciuto ti precluda un sacco di occasioni!

Quindi?
Niente, come sa bene chi mi conosce, visto che tra andare a prendere il caffè al bar e vedere prodotto un film su un mio progetto, ci passa la stessa eccitazione, ho fatto spallucce e ho pensato bene di tirare dritto per la mia strada pubblicandomi  i Defender of Europe da solo, visto che lo ritenevo (e lo ritengo) un bel progetto!

Stamattina, però, ho letto QUESTO, di cui riporto qui di seguito la frase che mi ha fatto riflettere:
"Ma solo pochi anni fa, pensare a eroi in calzamaglia nelle città europee avrebbe fatto ridere".
Per la cronaca, qualche anno fa, quando ormai il Capitano era famoso in rete, questa stessa frase l'ho letta riferita ai possibili supereroi nostrani proprio in un articolo che citava Capitan Novara!
Comunque, andiamo avanti... e così, la DC Comics inizia a sviluppare i suoi supereroi europei?




Beh, bello, in fondo anche la Marvel ci provò ai tempi, ma il discorso, anzi il problema è un altro... il problema è che questo supereroe francese, questo Nightrunner, ricorda abbastanza un altro supereroe francese... QUESTO!

Ma il problema non è solo quello, il problema è che ANCHE questo nuovo supereroe è un esperto di Parkour proprio come il mio Grillon!


Uff, già immagino i commenti fatti dai nerdoni alla prossima Lucca:

Nerdone (mentre sfoglia l'art-book dei Defenders of Europe) - "Uh, ma questo l'avete copiato da Nightrunner!"

Io - "No, noi siamo usciti prima, almeno credo, e comunque..."

Nerdone (con fare da professorino dei fumetti sempre più saccente) - "Ma dai, anche il vosto è un esperto di Parkour e free running? Avete proprio dato fondo all'immaginazione, eh?!!"

Io - "No, davvero, avevamo pensato a Grillon già nel 2009 e... "

Nerdone - "Ma dai, dal manuale come copiare a piene mani!"

Io - "No, come ti ho già detto non..."

Nerdone (al limite della sua onnipotenza da sfigato cronico) - "Ma evitare di copiare, no?"

Io (che ormai sono al limite dell'insofferenza) - "Senti..."

Nerdone (con un accenno di sorriso mentre ancora sfoglia l'albo) - "Sii?"

Io - "... puoi andare a fare in culo che sto lavorando, grazie! "

Per fortuna, però, c'è chi invece la pensa diversamente, come potete leggere dal P.S. di QUESTO articolo!

Ora, anche se devo ammettere che quando ho visto questo Nightrunner (che se qualcuno non smentisce, mi sembra sia stato presentato per la prima volta proprio a partire dal 2011) la mia immaginazione ha iniziato subito a fare voli pindarici sul giro che il fascicolo del progetto "Defenders of Europe" poteva aver fatto, di scrivania in scrivania, fino ad arrivare agli occhi di chissà chi, di certo non mi ritengo così importante da pensare che i miei progetti possano essere stati copiati!
Quindi, se è vero che questo personaggio è tanto recente, sono sicuro si sia trattato di un semplice caso!
In fondo, se intendi creare un supereroe francese con caratteristiche "alla Batman" è facile pensare ad un personaggio che pratichi il Parkour o il Free Running, dato che queste due discipline tanto moderne sono proprio nate in Francia!
Però, tutta questa faccenda mi ha messo la pulce nell'orecchio e mi da l'occasione per fare una considerazione sul povero sceneggiatore/scrittore che prova a proporsi alle grosse Major di fumetti... come fa costui ad essere sicuro che le sue idee non vengano "rubate" in toto o in loco?
La risposta è che se vi proponete ad una casa editrice e lasciate le vostre idee alla loro mercè... beh, non avete nessuna sicurezza a riguardo!
E poi, non è che si tratta di rubare le idee... almeno non direttamente!
Basta anche solo che a un responsabile della casa editrice, dopo comunque avervi dato il benservito, rimanga in testa la vostra idea... poi ne parla ad un altro responsabile e così via... finchè, partendo da un'idea molto simile alla vostra, non viene richiesto ad un solido e navigato sceneggiatore (che lavora all'interno o per la casa editrice in questione) di svilupparci un progetto!
Così, magari, a distanza di qualche anno, un nuovo fumetto, molto simile a quello che avevate proposto voi, potrebbe essere in tutte le edicole del pianeta... ma non porterà la vostra firma!

Meditate aspiranti creatori di fumetti, meditate!
Perchè le vostre idee potrebbero essere le uniche cose di voi a far gola ad una casa editrice... e per usare le vostre idee non è che devono per forza prendere a lavorare anche voi, eh?!

16 commenti:

  1. che tristezza, non ho parola, ne parlavamo con chiara un pò di tempo fa e me ne ha parlato anche un professionista del settore(che lavora per dc comics e marvel) sul fatto che tu proponi il tuo fumetto ma non ci sono garanzie, perchè basta che cambino una virgola del tuo personaggio e tu non puoi farci più nulla, te l'hanno fottuto e a questo non vi è rimedio è proprio un circolo vizioso.

    RispondiElimina
  2. @ extreme rules:
    Così va il mondo... che ci vuoi fare?

    RispondiElimina
  3. che tristezza

    Io li citerei per plagio uguale
    hai cmq dalla tua le pubblicazioni sul blog e facebook

    domanda tecnica;ma tu i nomi dei personaggi e delle testate le hai registrate alla siae.
    Cioè cacchio il copyrigth anche solo intelettuale è tuo

    Comunque davvero:che schifo

    RispondiElimina
  4. Alla Planeta Deagostini sono molto grato di aver portato le ristampe di molte vecchie serie che non erano mai arrivate in Italia (per esempio la serie dell'All Star Squadron), però molte volte hanno fatto dei lavori davvero da cani, soprattutto nelle traduzioni.

    E poi non capisco cosa ci sia di così strano di voler creare supereroi europei, forse gli americani si scordano che i loro supereroi non sono altro che la verzione aggiornata e moderna dei vari Dei ed eroi delle mitologia europee.

    RispondiElimina
  5. @ nightwing:
    Nightwing, io però non ho detto che mi hanno copiato!
    Credo si tratti di un caso... e non sono ironico, lo credo davvero!
    Solo che la faccenda mi ha fatto riflettere sul fatto che la cosa potrebbe anche succedere... anzi, chissà quante volte è già accaduto che i fumetti di molte case editrici provengano da bozze di idee presentate da esordienti!
    Certo è che, in questo caso, i tempi sono alquanto sospetti!... Ma dai, è impossibile che copino proprio me!

    Comunque, il Capitano è registrato, e tutto il suo universo rientra nelle pubblicazioni che riportano il suo nome, tranquillo!

    Di certo, non è che adesso per 'sta cosa cambio i miei programmi!

    Anzi, non immaginate come stanno uscendo i Defenders... AURELIO E' UN DIO!

    RispondiElimina
  6. @ Nembo85:
    "non capisco cosa ci sia di così strano di voler creare supereroi europei, forse gli americani si scordano che i loro supereroi non sono altro che la verzione aggiornata e moderna dei vari Dei ed eroi delle mitologia europee"

    Credo che agli americani semplicemente piaccia fare i propri supereroi... almeno fino adesso! Peccato che proprio quando io stia per uscire con i Defenders of Europe questi incomincino a fare anche loro la stessa cosa!
    Poi tutti diranno che sono stato io a copiare... queste cose vanno così!

    Comunque, quella di non vedere di buon occhio il supereroistico europeo, credo sia più una cosa di noi italiani... almeno di una parte che "mio dio quello vuò fà l'americano"!

    In effetti, credo che siamo proprio noi a non capire che la vera mitologia supereroistica è nata in Europa!

    RispondiElimina
  7. Sono senza parole!
    ...comunque il costume di Grillon è molto più bello! E anche il nome! (può un supereroe francese avere un nome americano come "nightrunner"? Non credo proprio!) ^__^

    PS = Lo so che Aurelio è in gamba e non vedo l'ora di poter ammirare i Defenders in azione! Hai intenzione di pubblicare qualche altra tavola di anteprima per non lasciarci a bocca asciutta fino all'ultimo? Daaaaai!!! ^__^

    RispondiElimina
  8. ciao Fabry, comunque bisogna un pò stare attenti, tu fai bene a pubblicartelo per i fatti tuoi, i sacrifici sono tanti, ma sono sicuro che tu e Aurelio e tutto lo staff ci stupirete ancora una volta.
    fra

    RispondiElimina
  9. @ Luca Bonisoli:
    "Hai intenzione di pubblicare qualche altra tavola di anteprima per non lasciarci a bocca asciutta fino all'ultimo? Daaaaai!!! ^__^"

    Sei un diavolo tentatore, ma vi terrò ancora un po' sulle spine!

    RispondiElimina
  10. ciao fabrizio

    Ho letto cosa ti è successo. Permettimi un consiglio.

    Io prima di pubblicare i miei fumetti su un blog (showfarm o qualsiasi altra cosa)provo a metterli sotto copyright caricando una copia di dati in un dvd e poi me la spedisco a casa tenendo la busta chiusa.

    In questo modo ho il sigillo postale che agisce da sigillo. Prova farlo anche te.

    In fondo, scusa, se ti sbatti e poi qualcuno pirata il tuo lavoro o quanto meno prova a fare il furbo perchè non prendere le adeguate contromisure?

    Piccola lancia contraria: non hai mai considerato che con tutti i super eroi in giro (statisticamente parlando) il fatto che ne esistano due uguali ma di autori diversi può essere un caso?

    RispondiElimina
  11. @ 44rivax:
    "Io prima di pubblicare i miei fumetti su un blog (showfarm o qualsiasi altra cosa)provo a metterli sotto copyright caricando una copia di dati in un dvd e poi me la spedisco a casa tenendo la busta chiusa.

    In questo modo ho il sigillo postale che agisce da sigillo. Prova farlo anche te."

    Conosco il trucchetto e lo faccio sempre!
    E comunque, c'è la pubblicazione dell'Art-Book e del Magazine dove compaiono i Defenders!... Quindi, carta canta!

    "Piccola lancia contraria: non hai mai considerato che con tutti i super eroi in giro (statisticamente parlando) il fatto che ne esistano due uguali ma di autori diversi può essere un caso?"

    Certo!
    E infatti, l'ho pure scritto nel post che credo sia proprio un caso!
    E comunque, il post prendeva questo esempio proprio per parlare di un'altra cosa... cioè, del pericolo a cui va incontro un autore che propone le proprie idee ad una casa editrice.

    RispondiElimina
  12. fai un fumetto in cui ci siete te e il nerd e il suddetto dialogo di cui parli sopra.. cosi te ne lavi le mani da qualsiasi critica XD

    RispondiElimina
  13. Accade continuamente. Tra villaggio globale, inconscio collettivo e akasha, non se ne esce.
    Ci si resta male e allora l'unica cosa da fare è voltar pagina. La prossima idea sarà sempre la migliore!

    RispondiElimina
  14. Io inventerei (per puro caso) un uomo che di notte si traveste da pipistrello e di giorno fa il ricco mecenate!

    RispondiElimina
  15. @ Michele Nucera:
    AH! AH! Buona questa!^^

    RispondiElimina

Lasciate il vostro commento esplosivo!!!